I GIARDINI DI MARZO
Conversazioni sul Verde

Tre incontri nel Labirinto di Franco Maria Ricci per raccontare e indagare il sorprendente mondo delle piante e dei giardini


Giovedì 8, 15  e mercoledì 28 marzo alle 18, il Labirinto della Masone con la collaborazione della delegazione FAI di Parma ospita un ciclo di incontri dedicato alla botanica, I giardini di marzo, con interventi di importanti studiosi e connaisseur.

A causa delle sfavorevoli previsioni meteo di giovedì 1 marzo, giorno in cui è annunciata un’abbondante nevicata, il primo incontro, Le piante sono delle brutte bestie. La scienza in giardino di Renato Bruni, è rinviato al giorno mercoledì 28 marzo 2018, per consentire agli interessati l’arrivo all’incontro in sicurezza.

La rassegna, dedicata al sorprendente mondo delle piante e dei giardini, prenderà quindi inizio il giorno 8 marzo.

Giovedì 8 marzo 2018


Ore 18
Eliana Ferioli, Francesca Marzotto Caotorta, Laura Gatti
Donne di fiori. Incontri al femminile intorno al Giardino 

Ore 19
Rosalba Caffo Dallari, Nada Forbici
Bonus Verde 2018: sconti fiscali per la sistemazione a verde di parchi, giardini e terrazzi

Ore 20.30
Bamboo Garden Party
Un’occasione per festeggiare le figure femminili mosse dalla passione per piante e giardini nonché per gustare il menu ad hoc ricco di ispirazioni vegetali pensato dallo chef stellato Massimo Spigaroli, in collaborazione con lo chef emergente del Labirinto, Rocco Stabellini.

È necessaria la prenotazione a prenotazioni@francomariaricci.com Tel. 0521 827081.

Quota di partecipazione: 40 euro, comprensivo di conferenza e aperitivo, se acquistato prima della conferenza 40 euro, comprensivo solamente del party, se acquistato dopo la conferenza.

Giovedì 15 marzo 2018


Ore 18
Carlo Pagani
Il Giardino del secco

Mercoledì 28 marzo 2018


Ore 18
Renato Bruni
Le piante sono delle brutte bestie. La scienza in giardino

La quota di partecipazione ad ogni incontro è di 10 € (40€ per “Bamboo Garden Party”),  e include anche l’aperitivo che sarà servito al termine delle conversazioni. È consigliata la prenotazione a: prenotazioni@francomariaricci.com

Il primo incontro, l’8 marzo sarà dedicato all’intreccio tra il mondo femminile e quello dei giardini, condotto da Eliana Ferioli, per 12 anni direttrice di “Gardenia” e autrice, fra gli altri, del libro Donne di fiori. Incontri al femminile intorno al Giardino (2017), che raccoglie i ritratti di sedici donne per le quali il mondo vegetale è diventato l’orizzonte di una professione.
Interverranno anche Francesca Marzotto Caotorta, ideatrice e prima direttrice di “Gardenia”, e Laura Gatti, agronomo che ha collaborato con l’architetto Stefano Boeri alla creazione del Bosco Verticale, pluripremiato grattacielo milanese vestito di alberi e arbusti.

Seguirà un breve intervento ad opera di Rosalba Caffo Dallari (Presidente Nazionale UGAI  Unione Garden club) e Nada Forbici (Presidente Assoflorolombardia e membro CNFFP, Coordinamento Nazionale e Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio) dal titolo: Bonus Verde, che illustrerà gli sconti fiscali per la sistemazione a verde di giardini e terrazzi in arrivo nel 2018.

Infine, alle ore 20.30, “Bamboo Garden party”, presso il Bistro del Labirinto della Masone, per festeggiare le figure femminili che, innamorate di piante e giardini, sono diventate famose per questa loro passione e per i risultati ottenuti.

Il 15 marzo sarà ospite della rassegna Carlo Pagani, giardiniere e divulgatore di lungo corso, in televisione con la rubrica “Guida al Verde” e nella rubrica “Buono a sapersi” su RaUno Mattina, e sulle pagine del mensile “Gardenia”.  Il tema dell’incontro sarà il “Giardino del secco”, una rassegna di piante mediterranee con particolare resistenza a lunghi periodi di siccità, un giardino a bassa manutenzione con uso ridotto di acqua.

Chiuderà la rassegna, mercoledì 28 marzo, Renato Bruni, professore associato di Botania e Biologia farmaceutica presso l’Università di Parma

e  autore del volume Le piante sono delle brutte bestie. La scienza in giardino (2017, Codice edizioni). Bruni propone una riflessione sulle piante, che non sono le creature semplici e angelicate che crediamo.

Orti privati, parchi urbani e balconi fioriti, da scrutare con occhi diversi, saranno ulteriori temi della conversazione, insieme a qualche abitudine nella gestione dei giardini, non sempre davvero amica dell’ambiente.